La punta dell'iceberg

Gli iceberg sono dei grandi blocchi di ghiaccio galleggianti alla deriva nel mare, che si sono staccati da un ghiacciaio o da una piattaforma ghiacciata. Vengono sospinti alla deriva dai venti e dalle correnti e, quando raggiungono latitudini più calde, lentamente si sciolgono. Il destino degli iceberg è quindi quello di ridursi di dimensioni fino a scomparire, ma la loro vita può durare anche parecchi anni.

Iceberg

Nella vasca di plexiglas è rappresentato un modello schematico di iceberg realizzato in materiale plastico con la stessa densità del ghiaccio. Risulta subito evidente la differenza tra parte sommersa e parte emersa. La densità del ghiaccio puro è infatti inferiore a quella dell'acqua di mare. Per questo motivo gli iceberg galleggiano, ma circa il 90% del loro volume rimane sotto la superficie marina.

La sagoma di nave riprende invece quella del Titanic, il famoso transatlantico affondato nel 1912 in seguito allo scontro con un iceberg. Osservando le due sagome si ha un’idea delle dimensioni che questi colossi di ghiaccio possono raggiungere. Il più grande iceberg mai registrato in Artico sporgeva di 168 metri sopra il livello del mare, quanto un edificio di 55 piani.

L’iceberg più grande mai avvistato, osservato nel 1956 e originatosi in Antartide, era invece lungo oltre 300 km e aveva una superficie pari a quella del Belgio.

Iceberg

© 2016 CNR. All Rights Reserved

Percorso